massoneria massoneria massoneria massoneria massoneria massoneria massoneria massoneria massoneria

La casa massonica di Albenga

La Gran Loggia d'Italia degli Antichi Liberi Accettati Muratori (A.L.A.M.), Obbedienza Piazza del Gesù, Palazzo Vitelleschi, è una delle più antiche istituzioni massoniche italiane. È presente capillarmente su tutto il territorio nazionale con sue sedi (alcune anche all'estero), ove si riuniscono e lavorano le sorelle ed i fratelli iscritti che, a livello nazionale, sono oggi oltre 10.000 (dei quali il 25% donne), divisi in 450 Logge e 180 Camere del Rito, appartenenti a oltre 140 Orienti diversi.

Ad Albenga, la sede della casa massonica della Gran Loggia d'Italia è stata realizzata nei pressi di una antica torre in pietra costruita in epoca medioevale, ancora oggi esistente, che da il nome di “Torre Pernice” alla zona.

Ogni casa massonica dispone di un locale adibito a "tempio", luogo in cui i fratelli "lavorano" insieme. Non si pensi però ad un locale di culto dedicato a qualche particolare o strana divinità: il tempio massonico è un luogo in cui contemplare l'universo che esso simbolicamente raffigura. Fin dall'antichità, peraltro, il termine "tempio" (dal greco tèm-nô: delimitazione, recinto sacro), ha significato una porzione di cielo o comunque un luogo delimitato da cui osservarne la volta stellata. Naturalmente l'idea di "con-templazione" è connessa a quella di "con-sacrazione" poiché, in realtà, per i massoni il tempio è sacro in quanto in esso si celebrano "riti", anche se non religiosi: i lavori massonici, infatti, sono rituali.

La massoneria si profila come entità e come fenomeno di carattere complesso, non riducibile alla sola dimensione ideologica o sociopolitica né, per contro, alla sola dimensione iniziatica e spirituale. Ma mentre la prima è esplorabile e analizzabile mediante gli strumenti ben collaudati della ricerca scientifica, la seconda rimane impenetrabile a questi strumenti e richiede l'uso di altri e più adatti mezzi d'indagine.

L'esoterismo diventa quindi a tutti gli effetti l'universo sommerso, anche se poco visualizzabile, della massoneria, suo cuore e midollo, vero filo conduttore unitario attraverso il suo divenire, comune denominatore sotteso alla sua universalità ed al suo cosmopolitismo, irresistibile segnale di richiamo per tutti gli individui che nei tempi e a ogni latitudine hanno varcato le soglie del tempio.

L'istituzione massonica configura un metodo che persegue spiritualmente il progresso etico e morale dell'uomo e sarebbe vuota di ogni significato se i suoi componenti non avessero la possibilità "fisica" di incontrarsi in un luogo "sacro" per realizzare i loro rituali lavori. Carattere peculiare del lavoro massonico è infatti la sua dimensione collettiva: già l'iniziazione è conferita al candidato da una collettività di iniziati e dà "initium" ad un percorso conoscitivo di natura esoterica che prevede periodici momenti di confronto e di lavoro comune nella "unità-loggia", secondo un piano scandito da un preciso rituale e da un apparato di simboli la cui funzione è quella di rivelarsi gradualmente al singolo iniziato ed alla sua comprensione, permettendo così sia un lavoro interiore di costruzione di un "tempio individuale", sia un lavoro collettivo svolto appunto all'interno di un "tempio massonico".

Colonna d'Armonia


Visitatori del sito:
24209
Home | Chi Siamo | La Provincia di Albenga | Cos’è la Massoneria | La Nostra Voce | La Gran Loggia d’Italia | Contattaci